Com'era l'articolo?

839770cookie-checkSJW Game Journalists continua a infastidire Ubisoft sulla mancanza di politica in Ghost Recon: Breakpoint
contenuti interessanti
12 maggio 2019

SJW Game Journalists continua a infastidire Ubisoft sulla mancanza di politica in Ghost Recon: Breakpoint

Ubisoft lo ha annunciato di recente Ghost Recon: Breakpoint è previsto questo autunno per le console domestiche e sul Epic Games Store e Uplay. Una delle prime cose di cui i giornalisti di gioco erano preoccupati riguardava la politica del gioco. Sì ... politica.

Gamespot circa i primi dibs su una citazione da Ubisoft circa Ghost Recon: Breakpointe l'unica cosa su cui si erano concentrati sopra era il tipo di temi politici che Ubisoft avrebbe affrontato nel gioco. Lo sviluppatore principale Sebastien Le Prestre ha detto allo sbocco ...

"Stiamo creando un gioco qui, non stiamo cercando di fare dichiarazioni politiche nei nostri giochi. Ci siamo radicati nella realtà e otterrete ciò che ottenete dal vostro gioco: ognuno otterrà qualcosa di diverso dalla propria esperienza. La storia potrebbe farti vedere situazioni diverse, ma non stiamo cercando di guidare nessuno o fare dichiarazioni di alcun tipo. È un "Cosa succede se?" Scenario, è Tom Clancy, è puramente immaginario. "

Questo ovviamente non era abbastanza kosher per i giornalisti di giochi.

La Verge ha fatto un salto su Ubisoft per non essere "svegliato" e unirsi alla sinistra regressiva nel modo in cui descrivono questioni politicamente delicate nei loro giochi, scrivendo ...

"È diventato una sorta di tendenza per l'editore francese, che rende i giochi d'azione ad alto budget che presentano ambientazioni e trama strappate ai titoli, ma si ostinano a non dire granché di sostanza nonostante ciò. L'amministratore delegato di Ubisoft Yves Guillemot ha dichiarato a The Guardian l'anno scorso che, invece di fare dichiarazioni politiche, la società crea giochi in cui l'obiettivo "è far riflettere la gente".

 

"Qui ci sono solo alcuni esempi dell'insistenza della compagnia a stare lontana dalla politica - e quanto può essere ridicolo quando si guarda ai giochi attuali".

PCGamesN è intervenuto anche nei festeggiamenti, chiedendo a Le Prestre se l'impeto di cambiare le impostazioni Punto di rottura è stato causato da precedenti controversie che circondano Wildlands' rappresentazione della Bolivia, che ha portato a una denuncia dal governo boliviano. Le Prestre tenta di mettere da parte qualsiasi potenziale risposta controversa relativa al gioco, affermando che il nuovo cambiamento nel setting non ha nulla a che fare con la politica del mondo reale.

Bloccato da questa risposta, PCGamesN tenta di riorientare la conversazione, dicendo ...

"Ubisoft ha guadagnato la reputazione di rifiutarsi di commentare la politica dei suoi giochi, che spesso usano le tensioni socio-politiche del mondo reale come sfondo per l'azione, ma non sembra essere il caso di Ghost Recon Breakpoint."

È un'affermazione strana dato che Ubisoft ha praticamente fatto uno standard per i tour stampa per renderlo noto Ghost Recon Breakpoint non si diletterà in uno specifico lato politico.

Comicbook.com rispecchiava lo stesso tipo di punti di discussione degli altri, sottolineando che Ubisoft ha evitato di impegnarsi nel tipo di politica che i giornalisti di gioco vogliono, scrivendo ...

"[...] nel bene e nel male, il gioco non sta facendo dichiarazioni politiche. Come forse sapete, alcune persone vogliono una politica lontana dai giochi, altre volte vogliono che i titoli diventino politici o, per lo meno, non si facciano i conti con dichiarazioni politiche molli. In passato, Ubisoft è stato elogiato e criticato per non aver affrontato le questioni politiche in cui i suoi giochi si aggirano. Ad esempio, Far Cry 5. Detto questo, mentre ci sono alcuni argomenti politici in gioco in Ghost Recon Breakpoint, la posizione di Ubisoft rimane la stessa: il suo gioco non sta facendo dichiarazioni politiche ".

Come sottolineato da TheQuartering, avendo tutti questi articoli cadere nel raggio di 24 ore riaccesi i pensieri del GameJournoPros e la loro imbronciatura sui giocatori di nuovo in 2014 durante #GamerGate.

Come sottolineato da TheQuartering, troverai molte delle stesse voci che diffondono lo stesso tipo di rumore sociopolitico che ti aspetti da quel lato ... o da quello che ne è rimasto dopo diverse prese fondi persi o dovuto vicino negozio.

Per esempio, Kotaku ha avuto la sua calda visione della situazione con un titolo che fondamentalmente stabilisce ciò che ci si aspetterebbe dallo sbocco "Ghost Recon Burrled Bolivia, così almeno stanno andando da qualche parte immaginario questa volta".

L'autobiografia di Joshua Rivera racconta le interazioni con Ghost Recon: Breakpoint produttore esecutivo, Nouredine Abboud, che ha continuato a schivare qualsiasi tipo di inclinazione che il gioco potrebbe avere verso l'assunzione di schieramenti politici. Rivera impiega ancora un momento nel pezzo per impiantare la propria posta in gioco politico sui giochi di Ubisoft nonostante la compagnia cerchi di allontanarsi dal giocare nelle mani dei giornalisti, scrivendo ...

"Nonostante la reticenza dei suoi sviluppatori a parlarne in questa fase, Breakpoint sembra un lavoro che cerca di rimuovere se stesso da un campo minato politico e, a seconda delle preferenze personali, forse è sufficiente. È, tuttavia, abbastanza lontano dall'apolitico. È ancora un'opera di hardcore fiction militare, una fantasia jingoista che feticizza le armi e l'addestramento delle speculazioni che filtra il mondo in minacce e in pericolo ".

I giornalisti hanno cercato di convincere Ubisoft ad adottare un approccio politicamente più partigiano ai loro giochi, proprio come hanno fatto Bethesda e MachineGames Wolfenstein 2: Il Nuovo Colosso, che ha provocato molti giocatori arrabbiati irritati dagli sviluppatori che utilizzavano una proprietà popolare per spingere la loro politica partigiana attraverso l'ottica dei filmati e dei messaggi del gioco.

Vendite per Wolfenstein 2 assolutamente pallido in confronto a Wolfenstein: Il Nuovo Ordine, ma Bethesda ha insistito che le vendite per Wolfenstein 2 stiamo bene.

Ubisoft, nonostante abbia aperto una divisione Diversity & Inclusion, e abbia sicuramente incluso molte politiche complice di sinistra in giochi come Assassin 's Creed, ancora non crede di andare all-in per essere un editore di propaganda di sinistra come altri studi. L'enorme COO di Ubisoft Alf Condelius ha esposto tristemente i propri principi alla Svezia Game Conference a Skövde, in ottobre, a 2018, dove GamesIndustry.biz cita Condelius come dicendo ...

"È un equilibrio perché non possiamo essere apertamente politici nei nostri giochi", ha detto. "Così, ad esempio in The Division, è un futuro distopico e ci sono molte interpretazioni che è qualcosa in cui vediamo muoversi la società attuale, ma non lo è - è una fantasia.

 

"È un universo e un mondo che abbiamo creato per le persone per esplorare come essere una brava persona in un mondo in lento decadimento. Ma alla gente piace mettere la politica in questo, e ci allontaniamo da quelle interpretazioni il più possibile perché non vogliamo prendere una posizione nella politica attuale.

 

"Fa male anche agli affari, sfortunatamente, se vuoi l'onesta verità .... ma è interessante ed è una discussione che abbiamo, ed è una discussione continua che abbiamo con i nostri utenti, ovviamente, perché le persone vogliono mettere un'interpretazione nell'universo che creiamo e vogliono vedere la loro realtà nel fantasie che diamo loro, e le storie che i giochi sono ".

Mi sarei interessato a Ghost Recon: Breakpoint semplicemente per non essere un veicolo per la propaganda politica, poiché sembra che stia diventando sempre più difficile fuggire dal giogo prepotente imposto ai laici dall'Inquisizione Intersectional. Tuttavia, c'è anche il problema principale di Punto di rottura essendo un'esclusiva di Epic Games Store è un bel turnoff, oltre ad essere sempre attivo. Quindi anche senza la politica partigiana è ancora un no-go per me. Ma forse le persone che non si preoccupano di quelle altre due cose si prenderanno conforto dal fatto che i giornalisti di giochi SJW sono irritati all'idea che un editore non sia immediatamente e coerentemente inchinandosi ai loro capricci infantili.

(Grazie per il suggerimento NoriyukiWorks)

Altri contenuti interessanti