Com'era l'articolo?

1490950controllo dei cookieEditoriale: Deep Link è il processore Cell di PS5?
Caratteristiche
2020/07

Editoriale: Deep Link è il processore Cell di PS5?

L’innovazione è qualcosa che dovrebbe essere ammirato. Anche se realisticamente è destinato al fallimento. Innovare significa far avanzare la tecnologia, e spesso anche i fallimenti ispireranno il successo successivo o scopriranno metodi che vedono il loro vero potenziale realizzato molto tempo dopo la scoperta originale. Per questo motivo, non rimprovero né getto ombra a Sony per il suo nuovo innovativo Deep Link. Anche se sono spesso critico nei confronti dell’azienda, questo sembra essere il tipo di innovazione che i consumatori vorranno e di cui trarranno beneficio.

Per farla breve, la funzionalità non è stata discussa ufficialmente, sebbene a brevetto per "Direct Gameplay" registrato a marzo di quest'anno che corrisponde alla descrizione della funzionalità, fornendo alcune informazioni su come funzionerà. Cosa dovrebbe fare la funzione, secondo Eurogamer e VideoGamesChronicle, consente all'utente di accedere direttamente a una parte specifica di un gioco o di un'"attività" -vedi trofei- dall'interfaccia utente anziché passare attraverso le schermate di caricamento.

eBrrK82

Per ottenere questo effetto, la PS5 presenterà un’architettura personalizzata. Rendendolo radicalmente diverso dalla funzionalità di ripristino istantaneo di Microsoft che mantiene un gioco caricato in background. Il problema è che questo ricorda terribilmente il tentativo di innovazione di Sony con il processore Cell su PS3.

In apparenza, il Cell Processor era piuttosto innovativo. Ha consentito l'accelerazione nell'elaborazione di applicazioni di elaborazione multimediale e vettoriale. In parole povere, ha consentito ai giochi di elaborare risorse e meccaniche più velocemente, consentendo una maggiore fedeltà nell'esperienza. Il problema era che era difficile da programmare a causa di tutte le SPU, poiché Sony non è riuscita a facilitare la sua adozione, il che ha portato studi di terze parti a dover aiutare con l'ottimizzazione dei giochi per l'architettura della PS3. Ciò spesso portava gli editori a ignorare semplicemente il potenziale di Cell e a rifiutarsi di far emergere le sue vere capacità.

Allo stesso modo, sarebbe bello che un sistema caricasse automaticamente le esperienze, ma agli sviluppatori verrà richiesto di integrare tale capacità nei loro giochi. Se gli editori non vedono alcuna ragione pragmatica per farlo, ordineranno semplicemente ai loro sviluppatori di ignorarlo. Peggio ancora, se il processore non può essere ignorato, potrebbe causare problemi con lo sviluppo di PS5, rendendo la console meno attraente per gli editori a meno che Sony non raggiunga il dominio del mercato.

Un altro problema che sorgerà riguarda la visualizzazione dei diritti all'inizio del gioco. Se questo passaggio può essere saltato, potrebbero sorgere alcuni problemi legali, che impedirebbero alle aziende che altrimenti avrebbero interesse a implementare la funzionalità di farlo.

Sono tutte speculazioni, ma c'è da chiedersi perché Sony non ha rivelato formalmente questa funzione per la console? Se funziona perfettamente ed è pronto per essere adottato, che vantaggio c’è nel negarne l’esistenza?

Altre caratteristiche